Christian De Sica torna alla regia con «Sono solo fantasmi»: un horror-comedy omaggio al padre

Condividi su Facebook

Cinema
Pubblicato il 13-11-2019 da Redazione
Sono solo fantasmi il film di Christian De Sica con Carlo Buccirosso e Gian Marco Tognazzi
Sorta di «Ghostbusters» all'italiana, il film mescola horror, commedia e amarcord, ed è un chiaro omaggio a Vittorio De Sica.

Dal 14 novembre arriva nelle sale italiane “Sono solo fantasmi”, diretto e interpretato da Christian De Sica, affiancato da Carlo Buccirosso e Gian Marco Tognazzi.

Una sorta di Ghostbusters alla napoletana, pieno di citazioni del cinema di papà Vittorio (che compare come fantasma paterno del trio di protagonisti).

Anche la regia è di famiglia: "Mi ha aiutato moltissimo mio figlio Brando, è lui lo specialista dell'horror, ma non ha voluto comparire perché preferisce firmare un film suo che sta preparando".

Sono solo fantasmi: la trama e il trailer

Thomas (Christian De Sica), ex mago in bolletta, e Carlo (Carlo Buccirosso), napoletano, sottomesso a moglie e suocero settentrionali, sono due fratellastri che si rincontrano dopo anni a Napoli per la morte del padre Vittorio, giocatore incallito e donnaiolo.

Scoprono di avere un terzo fratello, Ugo (Gianmarco Tognazzi), apparentemente un po’ tonto ma in realtà un piccolo genio.

L’eredità, agognata da Thomas e Carlo, sfuma a causa dei debiti del padre e i tre hanno una grande idea: sfruttare la superstizione e credulità napoletana, diventando degli ‘acchiappa fantasmi’.

Proprio quando l’attività inaspettatamente sembra avere molto successo, lo spirito del padre Vittorio s’impossessa del corpo di Carlo. Thomas e Carlo si convincono che i fantasmi esistono davvero. Inconsapevolmente i tre con la loro impresa hanno risvegliato il fantasma della Janara, una temibile strega che minaccia di distruggere Napoli. Con l’aiuto del padre i tre fratelli cercheranno di salvare la città.

Un omaggio a Napoli e al padre Vittorio De Sica

De Sica ha così descritto il suo primo esperimento nella commedia horror, piena di effetti speciali e spettri volanti:

"Ho voluto raccontare una Napoli diversa, senza camorra, non buia e nera ma luminosa, come piaceva a mio padre. Una Napoli positiva nonostante i fantasmi, quella del golfo, di Benedetto Croce, di O’ Sole Mio" ha spiegato De Sica.

A proposito dei dichiarati tratti biografici del film aggiunge: "Ci sono rimandi come la passione per il gioco, l'eredità complicata e l'essere donnaiolo. Ogni tanto arrivava una telefonata a casa con qualcuno che diceva di essere mio fratello o sorella. Certo che è un omaggio a mio padre da qui anche l'ispirazione di mettere insieme tre fratelli con madri diverse. Ma mio padre, a parte tante cose, alla fine era un genio".

Leggi anche

Light of my life: il nuovo film post-apocalittico di Casey Affleck che celebra l'amore tra padre e figlia

È l’ultimo film di Casey Affleck, dopo l’affermazione di Manchester by the Sea, che ha lo ha consacrato grande interprete.


(Buon compleanno) Leonardo Di Caprio, 45 anni di successi al cinema

Come festeggiare al meglio se non rivivendo la carriera di uno dei più grandi (e affascinanti) attori dei giorni nostri.


Frozen 2, l'anteprima a Roma con un cast d'eccezione tutto italiano

Serena Rossi, Enrico Brignano, Serena Autieri e Giuliano Sangiorgi sul Red Carpet per la presentazione dell'attesissimo sequel del film d'animazione Disney.


copertina

Giorga Palmas e Filippo Magnini tra nozze rinviate e raccolta fondi

Il coronavirus fa slittare la data del matrimonio ma intanto i due vip si danno da fare per sensibilizzare i follower e sostenere l'ospedale "San Donato" di Milano